RECENSIONI

Ronin Yaro – The Sprawl | Recensione

Si respira polvere, aria umida e pesante e si vive un’esperienza continuamente in bilico tra la realtà e la finzione, tra l’illusione che la tecnologia sopperisca a fatica, pigrizia e difficoltà ed il crudo logorarsi dei rapporti umani, unito alla consapevolezza di sentirsi sempre più catapultati in un mondo Orwelliano.
Così irrompe su queste pagine il rapper nuorese Ronin Yaro, con il suo primo album solista “The Sprawl”, sparandoci addosso tutte le brutture della società moderna.
Il culmine viene raggiunto in “Darkwaves”, dove lo zampino di WZA si capta lontano un miglio, ma ci si affeziona rapidamente anche a “M.A.N.E.S.” (dovrei poi capire perché i ritornelli con gli acronimi sortiscono su di me sempre lo stesso effetto ipnotico, siano opera dei Non Phixion, degli Anthrax o dei Village People…).
Oltre il citato WZA, si annovera tra i pezzi la collaborazione con artisti quali Dr. Noise, Rois, Sick Barret, Butch Dee, Frabolo, Lo Straniero e Paziest.
Per adesso questo piccolo gioiellino lo potete ascoltare o acquistare in copia digitale ma, a partire da novembre 2017, sarà possibile ottenere la propria copia fisica contattando direttamente Yaro.
Sparatevelo in cuffia!

Recensione originale: http://xundisputedattitudex.blogspot.it/2017/10/ronin-yaro-sprawl.html

Home Forum Ronin Yaro – The Sprawl | Recensione

Questo argomento contiene 0 risposte, ha 1 partecipante, ed è stato aggiornato da  admin 1 anno fa.

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.

Sign In