Ibo Montecarlo - Hiphopsardo

Ibo Montecarlo
Biography

Ibo, rapper e beatmaker cagliaritano, esordisce e si fa conoscere nel panorama hip hop sardo sul finire degli anni ’90 con il suo gruppo Merda Grigia (Ibo & Psycobitch) attraverso la demo d’esordio Figli della rabbia 2000-1, che ricorda le sonorità del Wu-Tang Clan molto in voga in quel periodo. Di tutte le tracce prodotte da Ibo alla sua prima esperienza come produttore quella più rappresentativa è probabilmente Foxi Zoo che aprirà la strada a future collaborazioni e nuove amicizie. Sarà infatti dopo aver ascoltato proprio questa traccia che Tao contatterà Ibo e Psycobitch e insieme fonderanno il gruppo Zona Umida Fantasma. Ed è proprio nell’anno seguente, il 2000 che esce il disco di questa nuova formazione dal titolo Vs anch’esso interamente prodotto da Ibo e che per la prima volta vanta un featuring inedito di J.O. (Mentispesse); e mentre il nome del gruppo inizia a girare nella scena rap italiana, il terzo lavoro ad uscire dallo studio di Ibo nel 2001 è invece il suo vero primo disco solista sotto lo pseudonimo di Ibo aka La primamente dal titolo Automatico. Il cd composto da 12 tracce vanta le collaborazioni di J.O., Tao & Psycobitch e da un primo assaggio di quello che saranno poi i futuri lavori di Ibo: rime incisive, beat di tutti i generi e argomenti che spaziano dai più seri e impegnati all’autocelebrazione pura.
Il 2002 è un anno di transito nel quale per varie vicissitudini il gruppo Zona Umida Fantasma si scioglie proprio mentre stava per finire di registrare il nuovo disco che non vedrà mai la luce.
Ma sarà il 2003 l’anno della rinascita e della definitiva consacrazione di Ibo.
Questo è infatti l’anno in cui esce il secondo album solista di ibo dal titolo Dalla giungla allo zoo; 20 tracce esplosive nelle quali il rapper ci parla della sua vita e di tutti gli stati d’animo con i quali la vive. Anche qui troviamo come uniche collaborazioni quelle con i soliti amici Tao, J.O. e Psycobitch.
Sempre lo stesso anno esce il disco che ha cambiato il modo di vedere e fare rap a Cagliari in un periodo dove le uscite discografiche hip hop erano ridotte all’osso e le vecchie glorie stavano a cullarsi sugli allori…il cd in questione è quello delle Mentispesse, collettivo formato da Ibo, Tao & Jo dal titolo appunto Cagliari Crolla. Rime ruvide, spavalde, testi crudi, taglienti e sonorità cupe e ritmate identificano lo stile di questo prodotto dove i tre rapper non le mandano certo a dire ma anzi si presentano come i nuovi sovrani del rap cagliaritano. Inutile stare a parlare del polverone sollevato da queste affermazioni ma sta di fatto che nel 2004 quando Ibo produce il suo nuovo cd solista, La strada che ho scelto, considerato da molti il suo miglior lavoro di sempre, il nome delle Mentispesse è gia una realtà ben consolidata a livello nazionale. Con il suo terzo lavoro Ibo ci propone 21 tracce da lui interamente prodotte, ognuna con la propria identità e la propria storia…canzoni apprezzate da molti come: Forte e chiaro….presente nel mixtape di Bassi Maestro Monkey Business, La strada che ho scelto, 29/05/77, Stampace Basso, C.u.l.i. e Cagliari sono solo alcuni dei pezzi che caratterizzano questo lavoro. È sul finire del 2004 esce anche un ep gratuitamente scaricabile dalla rete, protagonista sempre Ibo questa volta insieme a Tao solamente dal titolo Capibranco, un ep concepito, prodotto scritto e registrato tutto in 5 giorni che presto diventerà un cult.
Il 2005 è l’anno della definitiva consacrazione di Ibo e delle Mentispesse a livello nazionale; finalmente un etichetta, la Motivo, e una distribuzione, la Self, credono nel nuovo prodotto targato Mentispesse che in collaborazione con Dj Mesta di Tornio danno vita ad un disco di 28 tracce interamente mixato dallo stesso dj torinese dal titolo Ready to Reload. Moltissime le collaborazioni internazionali e non tra le quali spiccano i nomi di Pitbull, Trife, e Arsonists. Il disco ottiene un grande successo anche grazie alla distribuzione in tutto il territorio nazionale. I due anni successivi Ibo li passa a Milano, dove si diploma alla SAE e lavora al nuovo disco delle Mentispesse. È il giugno 2007 quando esce sopra gli scaffali di molti negozi di dischi italiani Bang Bang, ed è subito un successo: il nuovo album fuga qualsiasi dubbio sulle capacità artistiche del trio cagliaritano. Questa volta è Vibrarecords che produce il disco, mentre la distribuzione resta curata da Self. Ibo, Tao e J.O. si alternano al microfono lasciando spazio ad alcuni ospiti di ottimo livello, da Bassi Maestro ad Asher Kuno, fino ai sardissimi Entroterra e Sonni, ma la svolta vera e propria è rappresentata dalla presenza nel disco di beat prodotti da altri beatmaker. È la prima volta nella sua carriera che Ibo affida le rime sue e dei suoi due soci alle cure di produttori diversi da lui.
Questo è senz’altro il disco di maggior successo, capace di dare al trio cagliaritano la meritata visibilità al di là dei confini dell’isola. Interviste, recensioni positive e servizi su giornali del settore, oltre ad un buon riscontro sul web, proiettano con decisione le Mentispesse nel panorama hip hop italiano. Dopo Bang Bang Ibo collabora e produce beat per altri mc, tra i quali spiccano i nomi di Bassi Maestro, Uzi Junker, Mistacabo e Da Bp, ma è nel 2008 che torna a lavorare a un progetto personale col rapper cagliaritano Sonni (Crazy Summer/Vibe Season). I due decidono di unire le forze sotto un unico nome, quello dei “Gemelli Bilancia”, per dare vita a “Fuori di Testa”, un disco di 17 pezzi tutti prodotti da Ibo ad eccezione di una sola traccia prodotta da Kiquè, nel quale le atmosfere sono decisamente più pacate e solari rispetto a quello a cui il rapper cagliaritano ci aveva abituato sia da solo che con le Mentispesse. Sonorità west, funk, south e giamaicane miscelate insieme per un disco che si lascia ascoltare al meglio nei momenti di relax senza troppi pensieri per la testa.
Tra il 2009 e il 2011 Ibo si impegna in diversi progetti quali la produzione, registrazione, mixaggio e mastering del primo disco solista di Big T (Tao Mentispesse) dal titolo Solo Amore, produce cinque tracce nel disco dei Rookies I rookie dell’anno e altre cinque tracce per il primo disco ufficiale di Uzi Junker Tempo di Splendere, del quale cura anche la registrazione e il mixaggio.
Ed è proprio dall’amicizia che lega gia da molti anni questi 2 rapper figli dello stesso quartiere cagliaritano che nasce sempre nel 2011 il mixtape CDC The Family. Trentuno tracce con le collaborazioni di Mentispesse, Parabellum, Coliche MDT, Jack the Smoker, Gemitaiz e Arangino nel quale i 2 rapper si alternano al microfono dando vita a una miscela di sound e scenari tipicamente street.
Dopo sette anni di lavori collettivi e di collaborazioni, Ibo decide che è arrivato il momento di esprimere ancora una volta se stesso nella piena libertà che solo un disco solista può dare. Nasce così I’m Montecarlo, probabilmente il lavoro più intimo della carriera di Ibo, che prende il nome dallo pseudonimo con cui l’artista è da anni noto nella scena rap italiana.

Sign In